Ritorno alla pace

riviera-del-conero

La nostra qualità della vita ha a che fare con i conflitti emotivi. Se viviamo un conflitto ci sentiamo in contrasto con noi stessi in un alternanza di emozioni che molto spesso non riusciamo a gestire, mettendo a rischio la serenità del nostro quotidiano.

I conflitti ci tormentano allontanandoci dal presente.

Quando ci fermiamo possiamo osservare e contattare ciò che accade senza trattenere, facendo fluire l’emozione di quel momento.

Possiamo esprimere ciò che  sentiamo, un’ opportunità che ci permette di essere liberi per far ritorno alla calma, alla pace.

Quando ti arrabbi, ritorna a te stesso e prenditi molta cura della tua rabbia. Quando qualcuno ti fa soffrire, ritorna a te stesso e prenditi cura del tuo dolore, della tua collera. 

THICH NHAT HANH

Annunci

Il contatto

contatto

Diventa sempre più difficile oggi entrare in contatto con se stessi e con gli altri.

Internet ci apre le porte al contatto immaginativo, virtuale, quello più semplice, staccato dal mondo dove non c’è un sentire l’altro, un percepire le cose che l’altro percepisce.

Il contatto sicuro nasce sin da subito, da quando il bambino desidera sentire il contatto con la madre. Il piacere di  poggiare il viso sulla sua spalla stando lì,  senza far nulla,  se non sentire il suo contatto.

Il contatto crea intimità , la formazione di un cerchio chiamato  NOI che non è IO o TU, all’interno del quale i contorni  si mescolano per interagire INSIEME.

E’ lo scambio di sensazioni e di emozioni dove i nostri confini da rigidi diventano morbidi, ed è proprio in questo flusso che si crea una comprensione profonda, una scoperta della  connessione con noi, con gli altri.

C’è un modo di entrare in contatto tra esseri umani più percettivo e affidabile della parola, fatto di sguardi, silenzi, gesti e messaggi ancora più sottili; è il modo in cui un essere umano nel suo intimo risponde al richiamo di un altro.

Sándor Márai

 

Fare pausa

1002812_505747956157294_985267312_n

Spesso ci capita di prenderci una pausa dal lavoro, dallo stress quotidiano.

Come? Può essere  in tanti modi: riposarsi, una passeggiata, lo shopping , una chiacchierata con amici,  un break caffè.

Ma fare pausa può essere anche far ritorno al presente, alla consapevolezza di ciò che accade dentro di noi,  all’aprire il respiro, al radicamento.

Un’occasione per visitare il profondo di noi.

Esercizio di pausa

Aprire il respiro (3 minuti)

 Sediamoci in una sedia. Portiamo attenzione al respiro. Pieghiamoci all’indietro, alziamo le braccia e respiriamo più volte profondamente .

L’amore: l’emozione appagante

 

wave_640
E’ impossibile avere un rapporto amoroso maturo se non si è una persona matura, capace di reggersi sulle proprie gambe, di stare da sola se necessario, e capace di esprimere liberamente e pienamente i propri sentimenti. Tale amore non è egoistico per la persona che condivide se stessa pienamente. E’ autocentrato, ma ciò rende eccitante la relazione, in quanto ciascuna persona è un individuo con un sé unico che condivide con il partner. In questo tipo di rapporto la realizzazione dell’amore nel sesso è reciproca nella soddisfazione del piacere.
A.Lowen
Arrendersi al Corpo (p.128)

Counseling & Bioenergetica

La relazione tra la parola e il corpo

equilibrio-mente-corpo-4

Il counseling è la relazione d’aiuto in un momento difficile della nostra esistenza, all’interno della quale abbiamo bisogno di esplorare, di essere sostenuti,  di condividere con un professionista competente in grado di accompagnarci verso un nuovo progetto di trasformazione.

All’interno della relazione ci sono tutti gli “ingredienti” fondanti  del counseling per  far scoprire e riscoprire al cliente le proprie risorse: l’ascolto, l’empatia, la congruenza,  l’accettazione di come si è, la comunicazione assertiva.

Un’insieme di tecniche (rogersiane, gestaltiche, funzionali, ecc..) per poter aiutare la persona come individuo unico, con le sue problematiche, con i suoi vissuti emotivi che lo differenziano dagli altri ma che lo fanno partecipe dell’universalità dei problemi che accomuna l’umanità.

Se nel percorso  si unisce anche il linguaggio del corpo non ci si limita soltanto al rapporto verbale, alla parola, ma si pone l’attenzione anche al processo energetico, al corpo.

Secondo l’Analisi Bioenergetica quello che accade nella mente si riflette nel corpo e quello che accade nel corpo si riflette nella mente.

Diventa fondamentale la conoscenza del respiro se è libero, trattenuto o poco vitale,  del tono di voce, flebile o arrabbiato, della postura del corpo,  del grounding (radicamento) ovvero di come percepiamo i piedi sul pavimento,  della mandibola se  è bloccata o libera, così pure di come  teniamo le nostre spalle, alzate o libere. Poter sciogliere significa permettere al corpo di vibrare per ri-iniziare a  sentire.

E’ un percorso di conoscenza di sé a tutto tondo, dove si diventa sempre più consapevoli di quello che accade dentro e fuori di noi. Dove si acquisisce maggiore flessibilità e conoscenza grazie anche al corpo, a come lo percepiamo, dove sono le nostre tensioni, i blocchi emotivi che non ci fanno esprimere quello che sentiamo con consapevolezza e padronanza.

La finalità del percorso del counseling ad approccio bioenergetico è quella di integrare la mente e il corpo creando la giusta relazione che permette di  aiutare il cliente ad essere più congruente con sé stesso attraverso il processo verbale,  e più radicato nel  corpo e nelle emozioni con il lavoro corporeo.

Paola Pucci   Counselor Professionista, Conduttore bioenergetico                                                                          Centro Olistico SEI – ANCONA              Per info e prenotazioni 333.6279137

La perdita di grazia

la-grazia

Osservando le persone per la strada non si può non restare colpiti dal modo goffo in cui in genere camminano, più triste ancora è il fatto che non se ne rendano conto. Molte sono anche inconsapevoli di avere seri problemi emotivi. Benché gli studi abbiano dimostrato che la malattia mentale è largamente diffusa nella nostra cultura, la maggior parte della gente non considera disturbi emotivi gravi i sintomi personali di depressione, ansia e insicurezza, mentre lo sono. Pochi vedono il nesso esistente tra i cosiddetti disturbi mentali e la perdita di grazia.

A.Lowen

La spiritualità del corpo p.53

Il pianto l’emozione liberatoria

chi-piange-e-mentalmente-piu-forte-5-motivi-che-spiegano-perche_oggetto_editoriale_850x600

Un cambiamento profondo e significativo può avvenire solo arrendendosi al corpo e rivivendo emotivamente il passato. Il primo passo in questo processo è l’esperienza del pianto. Piangere significa accettare la realtà del presente e del passato. Quando ci abbandoniamo al pianto, sentiamo o percepiamo la nostra tristezza e ci rendiamo conto di quanto siamo stati feriti e quanto duramente siamo stati danneggiati.
 A.Lowen
Arrendersi al corpo (p. 47 )